Movimento bianco

L'amica Grazia solleva la questione del "movimento bianco" e manda due immagini come spunto di partenza.

Movimento bianco dunque, possiamo dire è un movimento di sottofondo.
Un movimento non voluto (perchè è movimento dello scorrere vitale di un organismo).
Possiamo trovarci in una condizione di silenzio e provare ad ascoltarlo.
Allo stesso modo possiamo stare fermi e provare a sentire il “movimento bianco”.

Lo stato di “calma vigile” è una particolare condizione di movimento bianco.

Prima di entrare in scena possiamo provare a sentire nostro movimento bianco e verificare il nostro stato di calma vigile, ma per carità, solo per brevi attimi, altrimenti si rischia di scoppiare, a causa di mancato rilascio di tensione che si accumula!

Ecco un altro utile contributo su segnalazione di Rita:

 

"La condizione per una grande prestazione  è  detta flusso, uno stato di intensa concentrazione simile a quello di chi pratica lo zen, una condizione in cui il tempo sembra fermarsi e siamo completamente focalizzati su quello che stiamo facendo.
L’autrice dell’articolo  chiama questo stato anche concentrazione rilassata”.

 

Lo “stato di grazia”. Si dice anche per un artista, un attore. Zeami lo chiama “incanto sottile”, Stanislawskij lo chiama “centro d’attenzione”.
E’ dunque uno stato psico-fisico con alcune caratteristiche riconoscibili.

 

Leggendo ancora l’articolo: “Gli esperti individuano quattro caratteristiche fondamentali del  flusso.
La prima è una concentrazione totale che fa perdere il senso del tempo. La seconda è la cosiddetta autotelicità e cioè la sensazione che l’attività in cui siamo impegnati sia gratificante in sé. La terza è la sicurezza che le nostre capacità sono adeguate al compito. Infine l’automaticità, per esempio la sensazione che il pianoforte stia suonando da solo”.

Bene, credo che concentrazione rilassata sia una possibile versione di calma vigile e cioè la condizione necessaria per poter “sperare in una buona prestazione”. Sappiamo però che un qualunque micro inconveniente può vanificare il nostro stato di calma vigile e allora ci troviamo soli con noi stessi, la nostra fatica e la nostra povera tecnica.
Dunque, forse “concentrazione rilassata” è modo un po’ più tecnico per dire “calma vigile”, che è modo un po’ più tecnico per dire “movimento bianco”.

 

V. Claudienko.

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now